I need your skin

Le notifiche di Fb sono una trappola.
“Tizio ha cambiato il proprio status” – “Caio ha cambiato la propria immagine”.
Dovrebbe comparire la dicitura “Warning – la curiosità uccide”.
Lui la foto la cambia spesso. A volte è il suo lavoro, altre un filo di narciso compiacimento.
Ha ragione. E’ bello e consapevole.
Se potessi disegnare l’uomo ideale sarebbe lui. E’ intelligente, brillante, talentuoso. Mi piace anche la sua pelle, la sua pancia, le gambe muscolose. Ha anche un buon odore.
Meglio non andare a curiosare, meglio non guardare, meglio non possedere e desiderare.
Ma le notifiche sono li, ti dicono che si muove, che esiste, che su questo pianeta lui occupa uno spazio preciso e sa della mia esistenza.
Un adagio cinese dice che ogni persona è come una mela tagliata in quattro. E che esistono ben due quarti di mela che aderiscono perfettamente.
Lui non è il primo quarto di mela che incontro. E nemmeno il secondo. Evidentemente ho una forma regolare che permette a più quarti di aderire a me, o semplicemente sono un frutto mutevole. A volte mela, altre pera, altre un verde kiwi brillante.
E’ anche vero che poi i miei quarti non sono poi così numerosi. Ma comunque più di due.

Stamattina, avevo decine di notifiche. Ieri non mi sono collegata e dunque il piccolo mondo che segnala i movimenti dei contatti mi dava oltre un centinaio di notizie. Molte di sue. Usa FB come una vetrina per il suo lavoro e normalmente non le apro nemmeno limitandomi, quando proprio mi voglio far male, alle modifiche o aggiunte di foto. Fisso quella faccia qualche istante. Poi, quando il desiderare, comincia a grattare il fondo del plesso solare, allora chiudo e leggo qualcosa. Cerco di scordarmi la sua faccia.

Penso spesso che se fossi un uomo, vorrei essere come lui.   E forse per questo che mi piace così tanto, perchè in lui ci sono cose che in me mancano, compresa la capacità di prendere a morsi la vita.
Non penso che affrontare la vita in modo aggressivo sia tipico maschile o femminile. In lui questo atteggiamento è visibile e ben chiaro. In me, questo lato emerge solo quando sono con le spalle al muro, stanca di buscarle e di portare pazienza.

A pensarci bene, ho sempre desiderato uomini che avevano le caratteristiche di cui mi ritenevo e ritengo carente. Compensazione? E’ così un po’ per tutti? E’ questa costante ricerca del platonico amore che ci fa desiderare qualcuno?
Di fatto lui è sexy, fisico, divertente, ha una faccia imperfetta, occhi scuri, mani nodose e nervose e un fisico asciutto, come le sue mani.
In comune abbiamo solo gli occhi e un’anima pornografa.
No non pornografica. Pornografa…
M0889___27919